Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Viaggi - Osservatorio sul turismo di qualità
L'Adler Thermae Spa & Relax Resort in Val d’Orcia

È uno dei centri benessere italiani più accreditati, che però non si è adagiato sugli allori. Per assicurare standard elevati serve un impegno costante. L’esperienza dell’Adler Terme Spa & Relax Resort

Anton Pichler, dg di Adler Thermae Spa & Relax Resort
Anton Pichler, dg di Adler Thermae Spa & Relax Resort

Si è classificato secondo a livello europeo nella categoria all-inclusive dei TripAdvisor travellers’ choice 2013 e il suo centro benessere salus per acquam è senza dubbio uno dei più apprezzati d’Italia. L’Adler Thermae spa & relax resort può contare sul fascino della Toscana, sulla tradizione storica della vicina Bagno Vignoni, stazione termale della val d’Orcia le cui acque possiedono effetti benefici conosciuti già agli etruschi, e su elevati standard di trattamento che hanno permesso alla struttura di conquistare una clientela fidelizzata: l’80 per cento degli ospiti è infatti abituale, come sottolinea il direttore generale Anton Pichler. Tra i fattori che contraddistinguono l’Adler Thermae, oltre al valore del territorio, c’è l’efficace integrazione tra la zona relax, l’area trattamenti e quella umida.

Direttore, quali sono gli altri elementi che hanno reso la struttura competitiva anche al di fuori dallo scenario nazionale?
«Innanzitutto, l’alta qualità dei servizi spa; il centro benessere conta oltre 40 collaboratori, con la migliore selezione di estetiste, fisioterapisti, medici e operatori del benessere. Importante è il costante slancio al miglioramento: anno dopo anno, l’Adler Thermae cresce in offerta di servizi e nel livello di qualità del personale, con regolari corsi di formazione e attuando continui investimenti in nuove risorse. Da non sottovalutare l’atmosfera calda e accogliente, che fa sì che ciascun ospite si “senta a casa” pur trovandosi in un contesto 5 stelle caratterizzato da servizi d’eccellenza».

In che modo l’Adler Thermae ha sfruttato un patrimonio naturale come le acque termali di Bagno Vignoni? Quali sono i servizi maggiormente apprezzati dalla clientela sul fronte del benessere?
«L’acqua termale di Bagno Vignoni è di per sé una meravigliosa risorsa naturale che viene ancor più apprezzata dagli ospiti quando questi possono goderne in piscine panoramiche - posizionate in un contesto paesaggistico incantevole - e accessibili tutto l’anno, in inverno come in estate. I benefici delle acque termali sono poi esaltati dalla combinazione con trattamenti benessere specifici e mirati, come impacchi di fango, massaggi e applicazioni all’avanguardia. I programmi termali Adler spa permettono di trarre un grande beneficio non solo per la salute, in termini di cura e prevenzione, ma anche sul fronte del benessere».

Può essere considerato un valore aggiunto il fatto che i proprietari dell’Adler Thermae siano da generazioni specializzati nella ricezione turistica, responsabili negli ultimi decenni dell’apertura di resort di eccellenza?
«Il vantaggio competitivo è sicuramente dato dal know how maturato dalla famiglia Sanoner, frutto di una esperienza pluri-generazionale nel settore dell’ospitalità: un perfetto mix di management alberghiero all’avanguardia e profonda e innata sensibilità verso l’ospite, con il quale la famiglia Sanoner da sempre predilige coltivare un rapporto diretto».

Quanto l’Italia è oggi competitiva rispetto ad altre destinazioni internazionali nel segmento del turismo del wellness e in che modo si può rimanere al passo con le tendenze e le richieste della clientela italiana ma soprattutto estera?
«La chiave per rimanere competitivi nel Wellness, come in altri segmenti turistici, è offrire un prodotto di alta qualità. Mi riferisco non solo a servizi alberghieri, ma soprattutto a investimenti sul territorio da parte delle amministrazioni locali. Questo è importante affinché l’Italia rimanga una delle più ambite mete per il turismo mondiale, anche sul fronte benessere. L’inserimento della tassa di soggiorno in tanti Comuni, ad esempio, è una buona idea, purché tali proventi vengano effettivamente utilizzati per investimenti in infrastrutture e servizi a scopo turistico».

• di Francesca Druidi



L'Adler Thermae Spa & Relax Resort in Val d’Orcia